6 consigli (+1 bonus) pratici per chi soffre di bruxismo – BRUXRelax® Skip to content

6 consigli (+1 bonus) pratici per chi soffre di bruxismo

Soffri di bruxismo e non sai come affrontarlo?

In questo articolo ti elencherò alcuni consigli per ridurre da subito l’impatto di questo disturbo sulla tua vita.

Buona lettura!

Bruxismo: cos’è e perché dovresti occupartene

Il bruxismo è un disturbo molto diffuso, caratterizzato da un movimento involontario della mandibola che porta a serrare o digrignare i denti con forze molto elevate, superiori ai 100kg!

Il bruxare a lungo andare porta a usura ai denti, dolore all’articolazione temporo-mandibolare, ai muscoli masticatori oltre a diverse contratture muscolari su tutta la parte altra del corpo.

La brutta notizia è che non c’è una cura risolutiva per il bruxismo, invece la buona notizia è che esistono diversi trattamenti che possono aiutarti a ridurre sia la forza che la frequenza di questo disturbo.

Premetto che se sospetti di soffrire di bruxismo (in questo caso rispondi alle domande di questo test) o soffri di bruxismo, ti consiglio sempre di sottoporti ad una visita del tuo dentista, meglio gnatologo, per verificarne la severità e la presenza di altre complicazioni come il reflusso gastro-esofageo o apnee notturne (OSA).

Fatte le dovute premesse, partiamo!

6+1 consigli pratici contro il bruxismo

Consiglio n. 1: ricordati ogni giorno del bite

Il bite è il compagno quotidiano del bruxista.

Non puoi sapere quando il bruxismo si presenterà, soprattutto di notte: perciò ricorda di indossarlo sempre prima di andare a dormire e se soffri di bruxismo diurno puoi indossare paradenti più sottili e meno visibili.

Il bite è una barriera fondamentale per salvaguardare i tuoi denti e permette di rilassare muscoli e articolazioni.

Ricorda: tutti gli altri consigli non hanno senso se ti dimentichi del bite!

Consiglio n.2: presta attenzione a ciò che mangi

Il bruxismo mette a dura prova i nostri denti che saranno più fragili e soggetti a fratture.

Per questo motivo occhio ai cibi duri come noci, mandorle, torroni, caramelle dure, crosta del pane etc.

Attenzione anche ai cibi pastosi e difficili da masticare come: caramelle morbide, formaggi a pasta dura o creme dense come il burro d’arachidi etc.

Consiglio n. 3: elimina le gomme da masticare

Evita di affaticare i muscoli masticatori e i denti già messi a dura prova dal bruxismo. Spesso il bruxista esagera con i chewing gum per continuare a dare sfogo al proprio stress.

Consiglio numero 4: riduci lo stress

Ormai è comprovato da decine di studi scientifici che bruxismo e stress sono strettamente collegati.

Perciò individua quali sono le cause principali del tuo stress ed inizia a lavorare per ridurre l’impatto che hanno sulla tua vita.

Ricorda che lo stress è un killer silenzioso e se vuoi qualche consiglio per affrontarlo, leggi questo articolo.

Consiglio numero 5: dedica del tempo per allentare le tensioni muscolari

Massaggiare i muscoli affaticati dal bruxismo è un toccasana anche per rilassarti e predisporti al sonno.

Ho parlato in deversi articoli su come auto-massaggiare i diversi gruppi muscolari, perciò se vuoi approfondire l’argomento clicca sui seguenti link: massaggi base, massaggi avanzati, massaggi ai muscoli della parte alta del corpo.

Consiglio numero 6: applica del calore sulle zone contratte e doloranti

Il calore darà un beneficio immediato alle tue contratture perciò applica qualcosa di caldo su guance, tempie, collo e spalle.

Puoi usare un panno caldo, oppure delle compresse contenenti un gel da scaldare in acqua.

Personalmente utilizzo dei sacchetti contenenti del grano o del farro da riscaldare nel microonde.

E il consiglio bonus?

Consiglio n. 7: utilizza BruxRelax© ogni sera

Chiaramente non poteva mancare l’integratore che ho formulato pensando proprio a noi bruxisti!

Assumi ogni sera 1-2 compresse, mezz’ora prima di andare a dormire, per trarre il massimo beneficio dai suoi componenti.

l’integratore BRUXRelax© ha una formula studiata per chi soffre di bruxismo: con magnesio e vitamine del gruppo B oltre a un complesso di ben 4 piante che aiutano a rilassarti in modo del tutto naturale e ad avere un buon sonno ristoratore.

 

BIBGLIOGRAFIA:

Wiland, Piotr Wieckiewicz, Mieszko Paradowska-Stolarz, Anna Wieckiewicz, Wlodzimierz 2014 2014/07/13 Psychosocial Aspects of Bruxism: The Most Paramount Factor Influencing Teeth Grinding 469187 2014 – BioMed Research International Hindawi Publishing Corporation https://www.hindawi.com/journals/bmri/2014/469187/

Bae Y, Park Y. The Effect of Relaxation Exercises for the Masticator Muscles on Temporomandibular Joint Dysfunction (TMD). J Phys Ther Sci. 2013 May;25(5):583-6. doi: 10.1589/jpts.25.583. Epub 2013 Jun 29. PMID: 24259807; PMCID: PMC3804991. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/24259807/

Wang Y, Lu H, Li S, Zhang Y, Yan F, Huang Y, Chen X, Yang A, Han L, Ma Y. Effect of cold and heat therapies on pain relief in patients with delayed onset muscle soreness: A network meta-analysis. J Rehabil Med. 2022 Feb 8;54:jrm00258. doi: 10.2340/jrm.v53.331. PMID: 34636405; PMCID: PMC8862647. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34636405/

Hai trovato utile questo articolo?
Se ti è piaciuto condividilo sui social!

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
WhatsApp

Non vuoi perderti i nuovi articoli del team BruxRelax?

Iscriviti alla Newsletter!

    Autorizzo al trattamento dei dati forniti.

    Articoli correlati

    Commenti su questo articolo

    Nessun commento per questo articolo. Lasciane uno qui sotto!


    Aggiungi un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Chi sono

    Massimo Dambrosio

    Farmacista, formulatore,
    esperto di bruxismo.

    Mi occupo di bruxismo sin da quando ho scoperto di soffrire anch’io di questo disturbo.

    Iscriviti alla Newsletter

    Iscriviti alla newsletter e ricevi il 10% di sconto sul tuo primo ordine.

      Autorizzo al trattamento dei dati forniti.

      Cerca nel sito

      Hai delle domande sul BRUXRelax®?

      Leggi le domande più frequenti su questo disturbo, oppure chiedi direttamente al dottore.