Bruxismo, Lavoro e Insonnia: perché sono collegati – BRUXRelax® Skip to content

Bruxismo, Lavoro e Insonnia: perché sono collegati

Caro bruxista,

al lavoro non rendi quanto vorresti? Potrebbe esserci un collegamento tra bruxismo, scasa qualità del sonno e rendimento sul lavoro.

Scopri di più nel nostro nuovo articolo

Bruxismo e disturbi del sonno.

Il bruxismo è un movimento incontrollato e inconsapevole dei denti che avviene soprattutto durante le ore notturne.

È un meccanismo automatico del nostro corpo per creare una valvola di sfogo ad ansie, preoccupazioni e paure. Perciò il bruxismo è un’espressione psico-somatica che riflette il nostro livello di stress.

Solitamente chi è stressato o ansioso non ha un buon rapporto con il sonno e si stima che un terzo delle persone adulte dorme poco e male.

E in tutto ciò il bruxismo non dà una mano: disturba la fase II del sonno, è responsabile dei risvegli notturni e causa dolorose contratture muscolari che peggiorano la qualità del tuo sonno.

Ma come si collega tutto ciò al lavoro?

Sonno e giornata lavorativa.

Una delle principali fonti di preoccupazioni è il lavoro. Siamo sempre alle prese con scadenze, lavoro arretrato e pressioni di ogni genere.

Hai mai pensato che le difficoltà che incontri in ambito lavorativo possano derivare direttamente dai disturbi del sonno?

E che, viceversa, lo stress del lavoro incida sul tuo bruxismo?

Trascuriamo spesso l’impatto che il sonno ha sulla nostra giornata. Chi soffre di privazione cronica del sonno ritiene che siano normali i suoi livelli di prestazione e i suoi comportamenti.

Ma la carenza di sonno può avere molteplici ripercussioni sulla tua carriera.

La corteccia prefrontale è l’area deputata al controllo di tutte le facoltà superiori: ragionamento, pianificazione, problem solving etc.

La cattiva notizia è che un’area estremante sensibile alla stanchezza e alla carenza di sonno.

Continua a leggere e forse otterrai una promozione!

Effetti della carenza di sonno sul lavoro:

  1. Produttività: il tuo cervello va al rallentatore quando non dormi. Avrai difficoltà a concentrarti e a memorizzare nuove informazioni. Sarai sempre alla ricerca di distrazioni: una sbirciatina ai social, una lettura alle news e così via. Sai perché ti comporti così? Perché il tuo cervello ha bisogno di queste distrazioni per restare sveglio.
  2. Creatività: il tuo cervello è in affanno e per questo cercherà di svolgere solo attività di routine, che richiedono meno energia. Tutto ciò che richiede inventiva e creatività necessitano invece di molta energia e impegno. Ecco perché fari il doppio della fatica per trovare nuove soluzioni ma con risultati mediocri.
  3. Umore: chi dorme poco e male ha livelli di cortisolo più elevati. Secondo la ricerca della University of California Berkeley, chi ha disturbi del sonno ha mediamente un livello di ansia del 30% superiore a chi dorme tra le 7 e le 9 ore a notte senza problemi. Ciò significa che avrai meno tolleranza nei confronti delle seccature quotidiane, sarai più irascibile e avrai anche problemi a rapportarti con i tuoi colleghi. Non sarai proprio un esempio di team building!
  4. Il capo non dorme? Cambia lavoro! Prova ad immaginare tutti gli effetti della carenza di sonno che ti ho descritto su un manager con responsabilità di leadership. Un capo scontroso, pigro, irascibile, incapace di controllarsi avrà effetti devastanti su tutta la sua squadra di lavoro.

In conclusione: cambia le tue priorità

Se hai difficoltà sul lavoro avrai maggiori preoccupazioni che ti causano ansia e stress. E, come abbiamo detto, tutto ciò incide sul tuo bruxismo e sul tuo sonno.

Al sonno è una necessità primaria e devi dare la giusta centralità alle ore di riposo notturno.

Gli antichi romani e greci avevano capito l’importanza del sonno al quale avevano anche dedicato un Dio: Ipno per i greci e Somnus per i romani.

Per la società moderna invece il sonno non è così importante anzi c’è chi ritiene sia un’inutile interruzione della propria produttività.

Anche se abbiamo visto come avvenga l’esatto opposto senza adeguato riposo.

Il bruxismo va di pari passo con i nostri comportamenti errati ed è per questo che nel blog di BRUXRelax dedichiamo molta attenzione al tema del riposo proprio perché le ore di sonno perse sono difficili da recuperare.

A proposito, ho scritto un articolo se vuoi sapere come comportarti durante la giornata per dormire meglio?

Se soffri di bruxismo puoi provare BruxRelax©, il primo integratore alimentare con una formula studiata per contrastare le cause e gli effetti del bruxismo, inoltre facilita anche il sonno!

BruxRelax®, con magnesio, vitamine del complesso B4 estratti erbali utili per rilassare la muscolatura e combattere stress e ansia.

Hai trovato utile questo articolo?
Se ti è piaciuto condividilo sui social!

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
WhatsApp

Non vuoi perderti i nuovi articoli del team BruxRelax?

Iscriviti alla Newsletter!

    Autorizzo al trattamento dei dati forniti.

    Articoli correlati

    Commenti su questo articolo

    Nessun commento per questo articolo. Lasciane uno qui sotto!


    Aggiungi un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Chi sono

    Massimo Dambrosio

    Farmacista, formulatore,
    esperto di bruxismo.

    Mi occupo di bruxismo sin da quando ho scoperto di soffrire anch’io di questo disturbo.

    Iscriviti alla Newsletter

    Iscriviti alla newsletter e ricevi il 10% di sconto sul tuo primo ordine.

      Autorizzo al trattamento dei dati forniti.

      Cerca nel sito

      Hai delle domande sul BRUXRelax®?

      Leggi le domande più frequenti su questo disturbo, oppure chiedi direttamente al dottore.